UNA RECENSIONE AL GIORNO…

DAVID R. MOTTRAM

FARMACI E SPORT

CASA EDITRICE AMBROSIANA

2005

Farmaci e sport è l’edizione italiana di Drugs in sport, opera di David R. Mottram, docente dell’Università di Liverpool. L’edizione italiana è stata curata da Domenico E. Pellegrini-Giampietro, coadiuvato da un team di professori dell’Università di Bologna e di Firenze. Il lavoro presentato dai curatori, è stato basato su un’attenta analisi, avente come obiettivo principale quello di fornire al lettore una conoscenza approfondita delle sostanze impiegate nella pratica sportiva. Argomento portante dell’opera, poiché maggiormente dibattuto, è quello relativo al doping, a cui gli atleti ricorrono sempre più spesso «per migliorare l’aspetto fisico o le proprie prestazioni sportive». Dopo avere introdotto le problematiche relative all’assunzione dei farmaci nella pratica sportiva, l’autore ha deciso di concentrarsi sulla definizione e il concetto di farmaco: «sostanz[a] chimic[a] che p[uò] alterare i processi biochimici del nostro organismo interagendo con bersagli biologici». Aprire una digressione simile è stato fondamentale a introdurre il tema dell’uso e dell’abuso di sostanze, principalmente di quelle vietate dal CIO/WADA (amfetamine, cocaina, analgesici narcotici, la marijuana). Grande attenzione è stata data anche all’uso della creatina (un supplemento dietetico molto utilizzato dagli atleti) e degli steroidi anabolizzanti androgeni, i cui effetti collaterali dipendono dalla dose e dalla durata dell’assunzione, anche se in alcuni casi possono portare a modificazioni psicologiche e comportamentali, alla dipendenza e anche a morte prematura per patologie cardiovascolari.

Il doping, secondo la Legge 376/2000, non rappresenta solo un illecito sportivo, ma anche un reato penale, proprio per questi motivi, numerosi sono divenuti i controlli effettuati dalle federazioni sportive, soprattutto a partire dalla fine degli anni Cinquanta (il periodo di diffusione delle anfetamine). Dedicando al problema un’intera sezione, l’autore ha analizzato tutte le sostanze stimolanti il sistema nervoso centrale, descrivendone la natura, gli effetti riscontrati sulle prestazioni fisiche, il dosaggio, il meccanismo d’azione e gli effetti collaterali. Il grado di completezza del libro è tale per cui vengono affrontati argomenti molto specifici, come il trattamento delle lesioni infiammatorie, l’alcol, i farmaci e gli ansiolitici fino alla diffusione dell’abuso delle sostanze chimiche nello sport. La pubblicazione è poi arricchita da un intero capitolo contenente le Normative del Comitato Internazionale Olimpico (CIO), relative ai farmaci utilizzati nel trattamento delle malattie dell’apparato respiratorio.

Il livello di competitività nel mondo sportivo è così elevato che oggi chi fa sport a livello agonistico è disposto a tutto pur di raggiungere prestazioni atletiche eccellenti. Falsare i risultati di una gara e rendere quindi artificiali le competizioni tuttavia, non rappresenta solo un problema etico, ma anche fisiologico, perché l’assunzione delle sostanze chimiche può alterare negativamente i nostri equilibri interiori, provocando delle conseguenze gravissime, e talvolta irreversibili. La cura con la quale il testo è stato tradotto dall’originale inglese permette al lettore di avere una buona conoscenza relativa alla tematica che ancora oggi appassiona giornalisti, telecronisti e gli stessi sportivi.

Recensione a cura di Tania

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...