Incontri con i Reference Manager: la biblioteca a distanza (proxybib….)

 

incontri-con-i-reference-manager-come-personalizzare-google-scholar.jpg

Questa settimana parliamo di:

La mia biblioteca – come colloquiare con la biblioteca anche a distanza: consultare le risorse elettroniche grazie al proxybib, inviare proposte di acquisto, prenotare prestiti richiedere articoli o libri da altre biblioteche (Nilde)

Le lezioni sono aperte a singoli o a gruppi. Prenotate il vostro incontro nella sede più vicina a voi:

·         Martedì 26 marzo  dalle 9 alle 12 presso la Biblioteca Botta 2
(info e prenotazioni: 
reference.bst@unipv.it)
·         Mercoledì 27 marzo dalle 9 alle 12 presso la Biblioteca di Farmacia
(info e prenotazioni: 
reference.bds@unipv.it)
·         Giovedì 28 marzo dalle 9 alle 12 presso la Biblioteca del Tamburo
(info e prenotazioni: 
reference.bst@unipv.it)
·         Giovedì 28 marzo dalle 9 alle 12 presso la Biblioteca di Fisica
(info e prenotazioni: 
reference.bds@unipv.it)
Inoltre:

·         Giovedì 28 marzo dalle 9 alle 12 presso la Biblioteca del Tamburo: UNIPV library bases in English (info e prenotazioni: reference.bst@unipv.it)

Le lezioni sono aperte a singoli o a gruppi. La partecipazione è gratuita.

 

 

 

Annunci

BBBevento: Fondazione Eucentre

logo_eucentre_100px

Vi invitiamo a partecipare al BBBevento:

Fondazione Eucentre
visita guidata
giovedì 28 marzo alle ore 10.00
Via Ferrata, 1

La Fondazione Eucentre è un ente senza fine di lucro che promuove e sviluppa la ricerca e la formazione in ambito sismico. Durante la visita guidata verranno illustrate le attività principali che vertono sulla ricerca applicata nel settore dell’ingegneria sismica, da un punto di vista numerico e soprattutto sperimentale, mostrando le attività di laboratorio svolte a livello nazionale ed internazionale.  Leggi di più su Eucentre qui

Il ritrovo dei partecipanti è previsto per le ore 9.45 davanti all’ingresso della Fondazione in Via Ferrata, 1.La visita è gratuita, ma è necessario iscriversi Clicca qui

Gita a Merano: Merano Flower Festival

merano

L’associazione “Amici dell’Orto” organizza un viaggio, aperto a tutti, a Merano  in occasione del Merano Flower Festival.

Programma di massima

26 Aprile: Pavia – Merano, in autobus, prevedibilmente 4 ore di viaggio.
Pomeriggio: passeggiata lungo il Passirio dove si svolgerà una mostra mercato di fiori e piante con ingresso gratuito
Sera: pernottamento in Hotel

27 Aprile:
Mattino: mercato tradizionale dove sarà possibile acquistare prodotti della terra e originali oggetti dell’artigianato venduti da chi  li ha prodotti. In alternativa visita ai giardini di Merano.
Mezzogiorno: pranzo libero
Pomeriggio. Partenza per rientro verso le ore 16,00

Prezzi indicativi

€  160,00 per i soci, € 180,00 per i non iscritti.

Il prezzo definitivo sarà determinato in base al numero di partecipanti.

La quota prevede: viaggio, pernottamento (maggiorazione per camera singola), prima colazione, accompagnatori in lingua italiana. Pranzi e cene sono a carico dei partecipanti;

Scadenze

Versamento di un’ acconto di € 100 entro il 10 Aprile, da parte di coloro che aderiranno. Saldo definitivo prima della partenza.
Qualora il numero degli iscritti superasse la ricettività programmata verrà data priorità agli iscritti e, successivamente, sarà rispettato l’ordine di prenotazione

Prenotazioni al  telefono:
Segreteria dell’Associazione Amici dell’Orto Botanico  0382-22534
oppure cell. 3280344800 (Anna Maria)

Presso la segreteria è possibile iscriversi o rinnovare l’associazione per il 2019.

Workshop: La stampa a mano

Immagine stampa a mano Angelini IMG_1590

La stampa a mano
workshop
domenica 14 aprile 2019
ore 9:30-12:30
Orto Botanico
Via S. Epifanio 14 – Pavia

Nel ricco programma della “Festa di primavera”, la Biblioteca dell’Orto propone questo Workshop di stampa artistica a mano  che utilizza tecniche professionali su materiali alternativi, a cura di Alessandra Angelini, artista e docente di Grafica d’Arte all’Accademia di Belle Arti di Brera

La tecnica della stampa a mano, che fin dall’antichità ha rappresentato un  metodo artistico efficace per ottenere riproduzioni seriali di un’immagine o di un testo, è qui presentata dall’artista come momento di libera espressione creativa.

All’interno di un piccolo laboratorio per la stampa a mano, allestito per l’occasione, Alessandra Angelini mostrerà al pubblico come si progetta e si realizza una stampa a mano, a  partire dall’intervento artistico sulla matrice, proseguendo con l’inchiostrazione a colori e concludendo con la stampa di un foglio.

Ogni partecipante potrà poi realizzare alcune stampe creando matrici personalizzate anche con l’uso di materiali vegetali che verranno forniti dall’artista.

E’ richiesta l’iscrizione all’indirizzo bst@unipv.it o al numero 3298056578. Costo del laboratorio: 30 euro.

Rivolto a tutti gli amanti dell’arte grafica. Chi avesse matrici già preparate autonomamente è invitato a portarle per sperimentare la tecnica di stampa.

Vedi il programma completo della Festa di primavera.

Banche dati: maschere di ricerca ed errori comuni

Negli ultimi anni le principali case editoriali si sono impegnate a creare maschere di ricerca, per le banche dati di proprietà, maggiormente user-friendly e in linea con il funzionamento dei principali motori di ricerca. Questo ha portato a una progressiva standardizzazione dei metodi d’interrogazione, arrivando a tre tipologie di ricerca: base, avanzata e tesaurizzata, utilizzabili a seconda dei dati bibliografici posseduti e in base al grado di approfondimento tematico che si desidera raggiungere. La scelta della banca dati più idonea deve avvenire sulla base della copertura tematica e temporale dei documenti in essa caricati, ma anche sulla base della tipologia dello strumento. Le banche dati possono essere infatti a testo completo, fattuali o bibliografiche, ciò significa che se si cerca un dato statistico questo non dovrà essere cercato in una banca dati bibliografica, ma in una fattuale. La ricerca documentale attraverso le banche dati può essere semplice e allo stesso tempo complicata, soprattutto se della banca dati in questione non si conoscono tutte le potenzialità, se la ricerca non viene impostata correttamente oppure se non si sono selezionate le chiavi di ricerca in maniera pertinente e corretta. Capiamo che la nostra ricerca è stata fallimentare quando otteniamo set di risultati troppo corposi, minimi oppure irrilevanti. Quando si verifica la prima ipotesi è perchè si sono scelte keywords troppo generiche oppure perchè è stato utilizzato uno strumento poco idoneo, se invece il set ottenuto è esiguo è possibile che siano stati utilizzati termini troppo specifici oppure ci troviamo di fronte a un argomento recente e quindi ancora poco trattato in letteratura. Quando invece i risultati ottenuti sono irrilevanti è buona prassi impostare nuovamente la ricerca utilizzando i termini tecnici/specializzati.

Corso di acquerello botanico per adulti e ragazzi

 

CiclaminiDaniela Passuello, pittrice e naturalista, propone insieme all’Associazione Amici dell’Orto Botanico, in collaborazione con la Biblioteca della Scienza e della Tecnica, il laboratorio di Acquerello Botanico, che si terrà presso l’Orto Botanico di Pavia, in Via S. Epifanio 14,  da aprile a ottobre 2019:

Corso per adulti: giovedì dalle 14 alle 17

  • 11 aprile
  • 18 aprile
  • 9 maggio
  • 16 maggio
  • 23 maggio
  • 30 maggio
  • 6 giugno
  • 19 settembre
  • 29 settembre
  • 3 ottobre

Corso per ragazzi: mercoledì dalle 15 alle 16:30 oppure dalle  17 alle 18:30

  • 15 maggio
  • 22 maggio
  • 29 maggio

La prenotazione è obbligatoria, il corso è a numero chiuso. Su richiesta verranno aperte nuove date. Per informazioni e prenotazioni scrivere a info@danielapassuello.com o telefonare al numero 339.8726275.

L’acquerello botanico è un genere pittorico che affonda le sue radici nell’antichità grazie alla civiltà egizia per consolidarsi definitivamente nel Medioevo, quando viene associato ad aspetti pratici e funzionali legati alle preparazioni farmaceutiche. L’aspetto scientifico della tecnica viene riproposto durante l’epoca rinascimentale da Leonardo, Durer e dal naturalista Ulisse Aldovrandi.

Nel secolo scorso la diffusione di questa particolare tecnica si è legata al nome di Margaret Mee, il primo esempio di artista esploratrice che, con le sue tavole sulla flora brasiliana ha denunciato il pericolo d’estinzione di molte specie amazzoniche provocata dalla distruzione delle foreste tropicali.

Per altre attività culturali presso l’Orto Botanico visitate la pagina degli Eventi Culturali.